Notizie su Scurcola Marsicana

Comune della Marsica è situato ai piedi del monte San Nicola.

Scurcola Marsicana - stemma

Trend popolazione dal 1861

mappa popolazione

Altri dati

Popolazione: xxx
Altitudine s.l.m.: m. xxx
Densità per Kmq: xxx,xx
Superficie: xx,xx Kmq
Codice Istat: xxxxxx
Classificazione rischi sismici: 1
Abitanti: xxxxxx
Storico elezioni comunali

Cenni storici

Santo Patrono: Sant’Antonio da Padova
Festa patronale: 12 giugno
Alla famiglia francescana dei conventuali minori, sostenuti dal Principe Ascanio Colonna si deve nel 1506 la costruzione del convento e l’ampliamento della chiesa, di origine medievale, di Sant’Antonio di Padova, concluso nel 1518 come ricorda la lapide apposta in facciata. (cfr Maria Concetta Nicolai, Un Santo per ogni campanile, Il culto dei Santi Patroni in Abruzzo, Volume V, pag. 45)

Etimologia del nome: L’etimologia di Scurcola sarebbe legato al termine latino Excubiae e in seguito a quello longobardo Sculk. Entrambi i termini hanno significato di “sentinella”, “guardia”, pertinente rispetto alla posizione del centro posto su un’altura che domina le direttrici confluenti verso l’antico lago Fucino, da Roma ad ovest, dalla costa adriatica ad est, dalla Sabina a nord attraverso il Cicolano e la valle del Salto, infine dalla Campania a sud attraverso la valle Roveto e i Piani Palentini. (fonte)

Altre notizie storiche.

Frazioni

xxxxxx, xxxxxxx

Link del comune

Loghi ANCI

logo-borghiautentici.jpg     

Economia

Turismo, agricoltura, artigianato

Da vedere e conoscere

Chiese e altri edifici religiosi

  • xxxxxxxxx

Castello Orsini-Colonna

La rocca Orsini si trova nella parte alta dell’abitato di Scurcola Marsicana, dominando i piani Palentini con la valle del Salto a nord e la valle dell’Imele a sud. Dall’analisi del monumento è stato possibile ricostruire una serie di strutture appartenenti ad epoche storiche diverse. Una rocca era presente già nel 1268, cioè all’epoca della battaglia fra svevi ed angioini. Ciò che possiamo ammirare oggi è la rocca rinascimentale trasformata nel tardo quattrocento (1490) per volontà di Gentile Virginio Orsini ad opera di Francesco Di Giorgio Martini. La rocca presenta una pianta, per l’epoca modernissima, di forma triangolare formata da due torrioni cilindrici sugli spigoli della base e da un bastione semiovale sul lato nord-ovest che sostituisce il puntone pentagonale del precedente castello recinto.

castello
fonte

Link di approfondimento

Palazzi antichi

  • xxxxxxxxx

Luoghi storici – archeologici

  • xxxxxxxxx

Parchi e/o riserve naturali

  • xxxxxxxxxxxxxxx

Feste ed attività culturali

  • xxxxxxxxxxxxxxx

Altre info

  • xxxxxxxx

Mappa

Immagini


Vuoi ricevere gli aggiornamenti mensili di abruzzodascoprire.it? sottoscrivi la nostra newsletter qui o nel footer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.