Notizie su Provincia di L’Aquila

Notizie su Provincia di L’Aquila

La provincia più estesa e la meno popolate, corrispondente storicamente all’Abruzzo ulteriore II.

L'Aquila - stemma

Trend popolazione dal 1861

mappa popolazione L'Aquila

Elaborazioni su dati ISTAT delle statistiche demografiche di Provincia di L’Aquila.

i grafico andamento popolazione prov aqAndamento demografico i grafico eta stato civile prov aqPiramide delle età i grafico censimenti popolazione prov aqCensimenti popolazione
i grafico eta scolastica prov aqEtà scolastica i grafico struttura popolazione prov aqStruttura popolazione i grafico tasso stranieri prov aqCittadini stranieri

Altri dati

Codice Istat: 066
Targa: AQ
Data di istituzione: 8 agosto 1806

Popolazione: 288 439
Densità per Kmq: 57,14

Superficie: 5 047,55 Kmq

Amministrazione

Cenni storici

Nel 1806, il giustizierato dell’Abruzzo Ultra viene ulteriormente suddiviso in Abruzzo Ultra I con capoluogo Teramo, comprendente l’attuale provincia di Teramo e quella di Pescara, e Abruzzo Ultra II, con capoluogo Aquila, corrispondente alla aquilana, inclusi i territori successivamente passati alle province di Rieti e Pescara. La provincia comprendeva originariamente i distretti di Aquila, Cittaducale e Sulmona, cui venne aggiunto, cinque anni dopo, il Distretto di Avezzano; i distretti erano ulteriormente suddivisi in circondari e, quindi, in comuni.

Notizie storiche.

Comuni della provincia di L’Aquila

108 comuni

Economia

Turismo, industria, agricoltura, artigianato

Geografia fisica

Il territorio della provincia racchiude interamente la parte interna della regione, e si estende da nord a sud parallelamente alla linea costiera su una superficie di 5.035 km² che, su scala nazionale, la pone al nono posto per estensione.

È caratterizzata da diverse conche di origine lacustre, in corrispondenza delle quali si trovano gli insediamenti antropici più consistenti, stretti dai massicci del Gran Sasso e dei Monti della Laga a nord est, del Sirente-Velino e dei Monti Carseolani, Monti Simbruini, Monti Cantari e Monti Ernici ad ovest, della Maiella ed est e dei Monti Marsicani e Monti della Meta a sud. Tra questi gruppi montuosi si aprono pianori carsici in quota come l’altopiano di Cascina, Campo Imperatore, Campo Felice, il Piano del Voltigno, l’Altopiano delle Rocche, i Piani di Pezza e gli Altipiani maggiori d’Abruzzo.

Per la sua estensione ed in base a motivi storico-culturali-morfologici, è possibile suddividere la provincia in 4 macroaree contornate e divise dalle suddette catene montuose:

  • La Valle dell’Aterno facente riferimento alla parte settentrionale della provincia in corrispondenza del passaggio del fiume Aterno e comprendente l’alta Valle dell’Aterno, la Conca aquilana, l’Altopiano delle Rocche, la Valle Subequana e la Piana di Navelli;
  • La Marsica, in corrispondenza dell’area del lago Fucino, prosciugato alla fine dell’Ottocento e rappresentante l’area più occidentale della provincia, al confine con il Lazio;
  • La Valle Peligna nella zona di Sulmona, rappresentante la parte più vicina alla costa al confine con la Provincia di Pescara;
  • L’Alto Sangro, zona geograficamente unita al Molise in corrispondenza dell’estremità meridionale della provincia.

Mappa

Immagini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *