Notizie su Fara Filiorum Petri

Notizie su Fara Filiorum Petri

Paese delle Farchie e del Miracolo di Sant’Antonio Abate.

Fara Filiorum Petri - stemma

Trend popolazione dal 1861

fara filiorum petri

Elaborazioni su dati ISTAT delle statistiche demografiche di Fara Filiorum Petri.

i grafico andamento popolazione fara filiorum petriAndamento demografico i grafico eta stato civile fara filiorum petriPiramide delle età i grafico censimenti popolazione fara filiorum petriCensimenti popolazione
i grafico eta scolastica fara filiorum petriEtà scolastica i grafico struttura popolazione fara filiorum petriStruttura popolazione i grafico tasso stranieri fara filiorum petriCittadini stranieri

Altri dati

Altezza s.l.m.: m. 227
Densità per Kmq: 131,22
Superficie: 14,96 Kmq
Codice Istat: 069030
Scheda rischi ISTAT
Abitanti: faresi
Storico elezioni comunali

Cenni storici

Santo Patrono: San Antonio Abate
Festa patronale: 17 gennaio

82157345 2661900143927211 5810156733540073472 n.jpg? nc cat=110&ccb=1 7& nc sid=174925& nc ohc=PIVKk 2kM2MAX cGSNf& nc ht=scontent.fpsr2 2
fonte

Etimologia del nome: Fara è un termine di origine longobarda indicante un gruppo, costituito da famiglie e da individui imparentati, in cui era diviso il popolo longobardo. Lo stanziamento dei Longobardi avveniva per Fare, veri e propri organismi politico-militari, il cui nome indicava anche il territorio abitato dal gruppo. Vi è inoltre la devozione longobarda a santa Fara. Ne sono testimonianza i vari comuni che ancora oggi in Italia portano questo nome.

Il nome del paese originariamente era solo “Fara”. Varie sono le tesi sulla successiva aggiunta di “Filiorum Petri”. Una delle più accreditate è quella che la fa risalire alla presenza di monaci celestini nel convento di Sant’Eufemia. Questi monaci infatti si facevano chiamare “Figli di Pietro” (Pietro era il nome del fondatore, Pietro Celestino). Per distinguere il paese dalle altre “Fare” si iniziò a chiamarlo Fara dei Figli di Pietro (Filiorum Petri in latino). (fonte)

Altre notizie storiche

Frazioni

Brecciarola, Campolungo, Colle Anzolino, Colle Pidocchioso, Colle Pretoro, Colle San Donato, Colli Centro, Crepacce, Fara Centro, Focaro, Forma, Fonzoni, Fraderna, Giardino, Madonna del Ponte, Mandrone, Orticelli, Pagnotto, Piane Della Masseria, Piane-San Giacomo, Ruzzi, San Nicola, Sant’Antonio, Sant’Eufemia, Sotto Le Ripe, Sotto Le Vigne, Valli, Vicenne.

Economia

Lo sviluppo economico di Fara Filiorum Petri è favorito dalla vicinanza dei corsi d’acqua, dal territorio pianeggiante e dalla presenza di buone vie di comunicazione locali. Agricoltura, industria, turismo

Da vedere e conoscere

Chiese e altri edifici religiosi

Palazzi antichi – castelli

  • La porta – è l’unico resto della cinta muraria del paese. L’arco è in stile gotico sormontato da uno stemma molto consumato, ma dai resti si potrebbe evincere che si tratti dello stemma degli Orsini-Colonna. A fianco vi è un rudere di un torrione in conci di pietra. (fonte)

Feste ed attività culturali

  • Le farchie
    La Festa delle Farchie si svolge ogni anno il 16 gennaio, in onore di S. Antonio Abate, e coinvolge tutti gli abitanti delle contrade di Fara Filiorum Petri, che partecipano con passione a tutte le varie fasi della festa. Le farchie sono enormi fasci di canne, dal diametro di circa un metro ed alte 10 metri. Ogni contrada ne realizza una e, nelle prime ore del pomeriggio del 16 gennaio, vengono trasportate nel piazzale antistante la Chiesa di S. Antonio Abate, dove vengono innalzate e, all’imbrunire, incendiate. Mentre i falò rischiarano la notte, offrendo uno spettacolo indimenticabile, i cittadini ed i visitatori festeggiano con canti e musica della tradizione popolare abruzzese, buon vino e piatti tipici. Sono quindici le contrade che partecipano alla grande festa.
    E’ tradizione che la festa delle farchie sia stata originata da un miracolo per intercessione di S. Antonio al tempo dell’invasione francese del 1799. All’epoca Fara era protetta da un grande querceto che si estendeva fino a coprire interamente la c.da Colli. Venendo da Bucchianico verso Guardiagrele i Francesi volevano occupare Fara ma l’apparizione di S. Antonio nelle vesti di un generale li fermò. Il santo intimò alle truppe di non oltrepassare la selva ed al loro diniego trasformò gli alberi in immense fiamme che scompigliarono i soldati, da allora, quel miracoloso incendio viene simbolicamente ricreato con l’incendio delle Farchie. (fonte)
  • video sulle farchie
  • Libro sulle farchie
26232109 1524515137665723 3289977446499624197 o.jpg? nc cat=100&ccb=1 7& nc sid=174925& nc ohc=F9UJBXM3vrUAX pLZjs& nc ht=scontent.fpsr2 1
fonte

Mappa

Immagini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *