Notizie su Corvara

Notizie su Corvara

Curtis di antichissima ed ignota fondazione, Corvara divenne Castello noto come “La Corvara” nel 985

Corvara Stemma

Trend popolazione dal 1861

corvara

Altezza s.l.m.: m. 307/1405
Densità per Kmq: 18
Superficie: 13,71 Kmq
Codice Istat: 068016
Scheda rischi ISTAT
Abitanti: corvaresi
Santo Patrono: Santa Maria di Costantinopoli
Festa patronale: 1 e 2 luglio
Proprio dal Chronicon casauriense si ha notizia di una chiesa dedicata a Sant’Andrea apostolo, fondata intorno all’anno Mille e tutt’ora esistente… La situazione cultuale si complica ulteriormente quando la parrocchia è spostata nella chiesa di Santa Maria delle grazie, anch’essa di fondazione medievale, ma completamente riedificata nel XVI secolo, con l’assorbimento della devozione mariana, ancora oggi molto sentita e alla quale sono attribuiti molti miracoli. (cfr Maria Concetta Nicolai, Un Santo per ogni campanile, Il culto dei Santi Patroni in Abruzzo, Volume I, pag. 207)

Etimologia del nome: da **corvaria, derivato di corvus ‘corvo’ nel senso di ‘(terra) di corvi’; tra il XVI ed il XVIII sec. prese la specificazione “del Conte”, forse con riferimento al d’Afflitto, conte di Trivento, che la tenne per un periodo, o per analogia con la vicina Castiglione, già detta “del Conte”. (fonte)

Altre notizie storiche

Frazioni

Colli, Selva, Vicenne

Sito Istituzionale comune

Loghi ANCI

logo-borghibelli.jpg

Monumenti nazionali (riconosciuti Elenco 1902)

in allestimento

Luoghi della cultura (riconosciuti MIBAC)

(in allestimento)

Da vedere e conoscere

Chiese e altri edifici religiosi

Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli
Campanile di Sant’Andrea

Palazzi antichi – castelli

(in allestimento)

Parchi e/o riserve naturali

Zone archeologiche

Feste ed attivita culturali

Altre info

Il paese nel 1933 fu colpito dal terremoto della Majella e a causa di alcuni crolli e della mancanza di soccorsi adeguati, per la difficile accessibilità al monte Aquileio, fu abbandonato. Il nuovo abitato fu costruito più a valle. Il borgo vecchio tuttavia è stato oggetto di restauro e rivalutazione artistica, incluso come meta nel Parco Nazionale della Majella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *