Notizie su Barisciano

Comune della piana di Navelli.

Barisciano - stemma

Trend popolazione dal 1861

mappa popolazione

Altri dati

Codice Istat: 066009
Classificazione rischi sismici: 2

Popolazione: 1659
Densità per Kmq: 21,14
Abitanti: bariscianesi


Altitudine s.l.m.: m. 940
Superficie: 78,49 Kmq

Storico elezioni comunali

Cenni storici

Santo Patrono: San Flaviano
Festa patronale: 24 novembre
Il culto di San Flaviano vi è stato importato prima dell’anno Mille dai monaci di Farfa (cfr Maria Concetta Nicolai, Un Santo per ogni campanile, Il culto dei Santi Patroni in Abruzzo, Volume III, pag. 364)

Etimologia del nome: La citazione più remota e certa del nome Barisciano si trova nel Chronicon Farfense e risale al 920 (fonte)

Altre notizie storiche.

Frazioni

Picenze (San Martino, Villa di Mezzo, Petogna)

Link del comune

Economia

Turismo, agricoltura, artigianato

Da vedere e conoscere

Vedi sito istituzionale
Proloco

Castello di Barisciano

Il castello di Barisciano posto sulle pendici del monte Selva, dai suoi quasi 1500 metri d’altezza, domina l’altopiano di Navelli.
Esso era sorto a controllo di quella parte del territorio percorsa dal tratturo che congiungeva L’Aquila a Foggia. Il borgo sottostante, precedente al castello, sorse intorno all’VIII secolo e la sua posizione strategica, a difesa della piana di Navelli e di un importante accesso al Gran Sasso, lo pose costantemente al centro di scontri e battaglie. La fortificazione, notevolmente più in alto rispetto al centro abitato, è invece risalente al XIII secolo e fu tra quelle che parteciparono alla fondazione della città dell’Aquila, alla quale appartenne fino al 1529 per poi divenire feudo di famiglie aristocratiche.
Nel terzo decennio del XV secolo fu occupata, dopo un duro assedio, dalle milizie di Braccio da Montone. Il castello di Barisciano, assieme al vicino castello di San Pio delle Camere, rappresenta un affascinante esempio di architettura difensiva del genere castello-recinto. Esso è ormai ridotto allo stato di rudere, ma ciò che rimane rende il sito ugualmente affascinante. La pianta era originariamente quadrangolare, con un torrione principale da cui partiva la cortina muraria spezzata da torri di fiancheggiamento. Ancora visibili sono le mura di cinta, il puntone pentagonale e le torri. In epoca successiva a quella di fondazione del fortilizio, venne costruita, addossata alla cortina muraria, la Cappella di San Rocco.
Intorno al XVI secolo la struttura dovette essere abbandonata, non essendovi più necessità difensive alle quali far fronte. Il castello è oggi allo stato di rudere, ma il sito merita comunque una visita sia per la particolarità della sua collocazione strategica sia per la presenza dei suggestivi resti, importante testimonianza delle fortificazioni medievali abruzzesi (fonte)

Foto 2
fonte

La chiesa di San Rocco fu costruita verso la fine del XVI secolo presso una torre del castello, che ora funge anche da campanile, come ex voto per il miracolo del santo durante la pestilenza del 1526. La chiesa ha forma di capanna con tetto spiovente ed un piccolo campanile a vela. La facciata è stata malamente restaurata e presenta scarsi elementi artistici. L’interno è ad aula unica con volta a botte e conserva affreschi cinquecenteschi riguardanti la vita del santo. (fonte)

Mappa

Immagini


Vuoi ricevere gli aggiornamenti mensili di abruzzodascoprire.it? sottoscrivi la nostra newsletter qui o nel footer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *